fbpx

Archivio delle categorie ExpoRe

Diexporemilano

5 cose da sapere prima di svendere casa tua.

Siamo ad un mese dall’inizio della quarantena forzata in tutta Italia e già le sirene dei media si interrogano, se non addirittura sentenziano, sull’andamento del mercato immobiliare nei prossimi mesi.

Da agente immobiliare che è sopravissuto all’ultima grossa crisi immobiliare iniziata nel 2007 con la stretta creditizia ed accentuatasi nel 2012 con un insieme di ulteriori congiunzioni sfavorevoli, tra cui una generale mancanza di fiducia degli italiani ed una insostenibile pressione fiscale, ti voglio rassicurare ed invitare all’ottimismo, se hai paura di svendere il tuo immobile a Milano.

Le motivazioni alla vendita sveleranno che venditore sei

Prima di farti prendere dal panico, poniti queste domande:

  • Devo vendere, o desidero vendere il mio immobile?
  • Voglio rogitare dopo aver abbassato il prezzo del mio immobile, o dopo averlo massimizzato?
  • Per quale motivo ho comprato il mio immobile anni fa?

Queste domande servono per qualificare la tua motivazione alla vendita!

Analizziamole assieme!

La prima domanda ( Devo vendere o desidero vendere il mio immobile? ) ti serve a capire che aspettativa puoi avere nella riuscita dell’ operazione.

Ora che stai vivendo, come tutti causa forza maggiore, 24 ore su 24 casa tua, ti verrà più facile distinguere tra il doverla vendere ed il desiderare venderla.

Vivi in due in un monolocale? Con un piccolo mutuo, se ne avrai bisogno, potrai aggiungere una stanza o due alle vostre esigenze.

Vivi in un bilocale senza balconi? Con un piccolo mutuo, se ne avrai bisogno, potrai puntare direttamente sul trilocale con doppi servizi.

Vivi in un trilocale con un solo bagno? Con un piccolo mutuo, se ne avrai bisogno, potrai puntare ad un trilocale con doppi servizi e magari più balconi.

E perchè non aggiungere un bel terrazzo, se non addirittura un fantastico giardino?

Se vuoi ingrandirti, devi vendere.

Se vuoi salire di un piano o due, desideri vendere.

E’ chiara la differenza?

La seconda domanda ( Voglio rogitare dopo aver abbassato il prezzo del mio immobile o dopo averlo massimizzato? ) ti serve a capire se per te è più importante “risparmiare provvigioni” pensando che tutte le agenzie immobiliari lavorino alla stessa maniera, pensando che il tuo acquirente davvero scelga casa tua perchè specifichi nel tuo annuncio che vendi da privato, oppure se ti conviene scegliere un’agenzia che mette davvero in competizione gli acquirenti, dopo averli qualificati.

Se vendi da privato realizzerai, sempre che tu riesca a portare a termine l’operazione, una cifra inferiore mediamente del 14% in circa sei mesi sul prezzo inizialmente esposto in pubblicità.

Se applichi un piano marketing amatoriale, puoi già sperare di ridurre i tempi dell’operazione, ma la vera incognita rimarrà sempre la tua capacità di negoziazione.

Se ti affidi ad un professionista, puoi sperare di ridurre i tempi ed aumentare i margini economici dell’operazione, ma la vera incognita rimarrà sempre e comunque l’applicazione di un piano marketing professionale che porti alla conclusione dell’operazione facendo i tuoi esclusivi interessi, non anche quelli dell’acquirente.

La terza domanda ( Per quale motivo ho comprato il mio immobile anni fa? ) ti serve a capire per quale motivo ti sei innamorato e se sei ancora innamorato di casa tua.

E’ una domanda interessante, vero?

E’ una domanda interessante che ti aiuterà a chiarirti le idee sui potenziali acquirenti ideali del tuo immobile, che non è detto che se ne innamoreranno per il tuo stesso motivo di anni fa.

Un prezzo corretto terrà alta la richiesta per il tuo immobile

Scoperta la tua reale motivazione alla vendita, dovrai fare estrema attenzione al prezzo esposto in pubblicità.

Che non deve essere assolutamente tentato, ma studiato e pianificato dopo aver richiesto una valutazione professionale e garantita ad un agente immobiliare esperto.

Se la tua casa vale 100.000€ può aver senso esporla in pubblicità a 110.000€, non a 120.000€ e tantomeno a 130.000€.

Sbagliare il prezzo del tuo immobile non solo non attirerà sufficienti potenziali acquirenti, ma ti porterà ad abbassarlo drasticamente quando la tua reale motivazione alla vendita si farà sempre più pressante.

La qualità della comunicazione del tuo immobile lo posizionerà nella testa dei potenziali acquirenti

Il modo migliore per difendere il prezzo corretto del proprio immobile in vendita, è lo studio e l’applicazione di un piano marketing professionale ed esclusivo.

Devi concentrarti sulla valorizzazione professionale del tuo immobile con home staging, servizio fotografico, servizio video emozionale, servizio virtual tour, planimetrie misurate ed arredate ed una brochure informativa di design, il tutto comunicato attraverso un sito professionale con dominio dedicato al tuo immobile (per esempio www.bilocalegorlamilano.it).

Accontentarti infatti di un limitante annuncio amatoriale sui portali immobiliari, probabilmente disperderà le potenzialità intrinseche del tuo immobile e non attrarrà potenziali acquirenti, ma curiosi e turisti immobiliari.

Il virtuale non cancellerà il reale, vivremo ancora di relazioni vere

La tecnologia applicata dai professionisti del settore immobiliare deve essere di supporto alla vendita degli immobili, non un succedaneo alle proprie abilità di relazioni interpersonali.

Un immobile ben prezzato e ben comunicato verrà venduto al massimo prezzo richiesto da un venditore motivato, se i potenziali visitatori diventeranno potenziali acquirenti attraverso una procedura professionale di qualificazione.

Inoltre le abilità di negoziazione e di ascolto, doti rare nei privati e negli agenti immobiliari poco esperti, permetteranno ad un professionista esperto di giungere al termine dell’intera operazione senza stress e rischi per la salute per i proprietari venditori ed i loro cari.

E di questi tempi, investire sulla propria serenità dentro casa, è altamente consigliato.

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Vuoi scoprire come vendere casa a prezzo pieno e senza rischi per la tua salute, anche solo in 30 giorni?

Richiedici subito una videoconsulenza gratuita o chiamaci allo 0267739014.

Diexporemilano

5 cose da sapere prima di fissare gli appuntamenti vendita per casa tua.

Per ogni proprietario mettere in vendita il proprio immobile su internet è un gesto assai semplice, ormai i portali immobiliari permettono di farlo in pochi click.

Oggi ti svelo le 5 cose da sapere per filtrare i turisti immobiliari ed attirare solo i potenziali acquirenti.

Chi domanda comanda

Poni con più naturalezza possibile le seguenti domande al tuo interlocutore telefonico:

  • Potrebbe dirmi cosa l’ha colpita del mio annuncio da privato?
  • Ha già fatto una offerta per case simili alla mia?
  • Ho bisogno di rogitare entro la data x, a lei sta bene?

Queste domande servono per qualificare chi ti contatta!

Analizziamole assieme!

La prima domanda (Potrebbe dirmi cosa l’ha colpita del mio annuncio da privato?) ti serve a capire se il tuo interlocutore ti sta chiamando con l’annuncio sotto mano.

Inoltre se tu avrai descritto con molta precisione il tuo immobile ed avrai fatto scattare delle foto professionali, fatto girare un video professionale e fatto fare una visita virtuale professionale, a questa domanda avrai una risposta entusiasta ed eccitata, te lo garantisco!

In tal caso lascia parlare il più possibile il tuo interlocutore, lascialo sognare.

Lascialo immaginare di possedere già casa tua!

Se invece non ti viene data una risposta dettagliata a questa domanda, potresti avere dall’altra parte della linea un semplice curioso che sta contattando più inserzionisti possibili.

Un cacciatore di case da vedere, insomma.

Di molte case da vedere.

Ma la colpa potrebbe anche essere di una tua inserzione mediocre…pubblicizzata con del materiale non all’altezza di casa tua.

Una casa ben presentata attira sempre persone realmente interessate!

La seconda domanda (Ha già fatto una offerta per case simili?) ti aiuta a capire se la persona che ti ha chiamato per fissare un appuntamento per casa tua è consapevole della procedura per bloccare una casa tra privati.

Ed inoltre la risposta ti aiuterà a capire anche se il tuo interlocutore è motivato ad acquistare una casa al giusto prezzo o se sta solo cercando di trovare una occasione per sè.

La terza domanda ( Ho bisogno di rogitare entro la data x, a lei sta bene? ) serve a scremare quelli che vogliono venire a vedere casa casa tua fregandosene se tu rischi di dover andare in affitto o di farti ospitare da amici o parenti solo per un loro capriccio.

Non sottovalutare questa domanda!

Perchè se tu non hai trovato ancora un’altra sistemazione, rogitare casa tua potrebbe portarti a vivere situazioni di ansia e stress.

Raccogli pure quindi una offerta per casa tua, ma solo da un acquirente che abbia tempistiche di rogito compatibili con le tue!

Richiedi un documento di identità ed una predelibera reddittuale per il mutuo alla persona interessata a fissare una visita

Questa operazione è standard nella mia agenzia immobiliare!

E tu che vorresti vendere da privato, non puoi ignorare il rischio di aprire la porta di casa tua ad un perfetto sconosciuto!

Chiedere un documento di identità a chi vuole venire a visitare casa tua è un gesto che deve anteporre la sicurezza della tua famiglia e del tuo immobile, alle eventuali lamentele del tuo interlocutore.

Se non si ha niente da nascondere, non dovrebbe essere un grosso problema inviare quanto richiesto via email…ed in merito alla privacy…beh…se un perfetto sconosciuto ti entra in casa senza identificarsi, e senza qualificare la propria situazione reddittuale, non è come se violasse la tua, di privacy?

Fai una visura sulla persona interessata a fissare una visita

Il documento di identità del punto sopra ti permette di fare con un solo click una verifica sulla persona titolare del documento.

Scoprirai, tramite apposite banche dati private di pubblica accessibilità, se il tuo potenziale visitatore è protestato, se è residente a Milano, se possiede altri immobili.

Insomma, scoprirai se è a rischio di respingimento per la pratica del mutuo…

E anche se non dovesse accedere al mutuo, ti farai una idea sul suo patrimonio immobiliare, potrai chiedergli se deve vendere casa sua per comprare la tua…

Invia una visura catastale ed una visura ipotecaria del tuo immobile

Chiedere trasparenza dovrebbe andare di pari passo con il fornirla.

Dimostra al tuo interlocutore che avete lo stesso interesse, assicurarvi che il tuo immobile abbia una titolarità ben idenficata, che il tuo immobile non è pignorato, che la metratura è reale e che lui possa quindi lasciarti una caparra se la visita va a buon fine.

Credimi, pur essendo certo che nessuno ti abbia mai dato un consiglio del genere, la trasparenza paga sempre.

Prova a metterti nei panni del potenziale acquirente: non ti farebbe piacere ricevere le visure prima di andare a visitare una casa, in modo tale da poterla bloccare subito, se te ne innamori?

Sappi che in ogni caso anche queste informazioni sono di pubblico dominio…pertanto…vedila come una strategia “do ut des”…

Invia una planimetria del tuo immobile

Non c’è niente di più fastidioso di sentirsi chiedere una planimetria durante una visita.

Inviarla assieme alle visure di cui sopra ti permetterà di risparmiare tempo ed opportunità.

I tuoi visitatori lo apprezzeranno e potranno gia iniziare ad immaginare come poter arredare la tua casa, se diventerà la loro casa.

E mi raccomando, niente piantine disegnate o poco chiare…cerca di far colpo sui visitatori, invece di scoraggiarli…

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Ritieni questi 5 consigli che ti ho dato interessanti, ma hai paura di non riuscire ad applicarli da solo?

Chiamaci subito allo 0267739014.

Diexporemilano

Sei certo di non avere a che fare con agenti immobiliari solo a caccia di una doppia provvigione a Milano?

Oggi voglio affrontare un argomento molto dibattuto tra gli agenti immobiliari italiani, la collaborazione immobiliare, che ti può permettere di realizzare il massimo dalla vendita del tuo immobile, in tempi più rapidi.

Ti voglio infatti spiegare come puoi vendere casa tua tutelando realmente i tuoi interessi e non solo quelli dell’agente immobiliare a cui stai per conferire o hai già conferito un incarico di vendita in esclusiva.

L’acquirente non è un cliente finchè non sottoscrive una proposta d’acquisto

Proprio così, proprio come tu firmerai o hai già firmato un incarico al tuo agente immobiliare di fiducia e sei diventato a tutti gli effetti un suo cliente, così è per l’acquirente, che è libero di rivolgersi a qualsiasi agente immobiliare regolarmente abilitato in italia, per visitare e comprare casa tua.

Questo vuol dire che salvo che tu, proprietario venditore, non lo escluda per iscritto, dopo averlo logicamente concordato con il tuo agente di fiducia, hai il diritto di ricevere tutte le proposte di acquisto disponibili sul mercato, per suo tramite diretto o indiretto, pertanto anche tramite la sua collaborazione con agenti immobiliari italiani regolarmente abilitati (quindi niente faccendieri ed abusivi).

Ricevere offerte di acquisto da parte di altri agenti tramite il tuo, non viola mai l’esclusiva tra voi due, pertanto diffida da chi maliziosamente ti dice che non collabora perchè altrimenti tu violeresti l’esclusiva e dovresti pagargli la penale, si tratta di una informazione scorretta frutto di una strategia a mio modo di vedere, meschina!

Per capirci, per ricevere solo ed esclusivamente proposte di acquisto del tuo agente immobiliare di fiducia dovresti far inserire la seguente dicitura sull’incarico di vendita: “Il venditore non autorizza l’agente immobiliare alla collaborazione con altri agenti immobiliari ed è conscio del fatto che in tal caso limita il numero e l’ammontare delle offerte di acquisto per il proprio immobile in vendita.”

Dimmi la verità, caro proprietario, tu lo faresti davvero?

Limiteresti le possibilità per il tuo immobile solo per dare la possibilità al tuo agente immobiliare di fiducia di guadagnare una doppia provvigione, pertanto anteponendo i suoi interessi, rispetto ai tuoi?

Qualcosa mi dice che non lo faresti, ma te lo chiederò di persona quando ci incontreremo a casa tua.

Un caso emblematico sul gruppo Facebook “Sei un agente immobiliare se…”

Alcuni giorni fa ho letto un post su un gruppo Facebook dedicato alla mia categoria professionale, dove un collega si lamentava del fatto che alcuni colleghi avevano contattato il suo cliente venditore per chiedergli di portare in visita i loro clienti acquirenti.

Tale proprietario ha risposto di rivolgersi al collega autore del post su Facebook, che però sullo stesso si lamentava del fatto di non voler collaborare con agenti immobiliari al di fuori della piattaforma di collaborazione alla quale lo stesso è abbonato, in quanto non si sentirebbe tutelato abbastanza.

Per dovere di cronaca devo anche sottolineare che il collega ha poi scoperto che chi aveva contattato il venditore si era permesso di esporre in pubblicità l’immobile a 5.000€ in meno, senza l’autorizzazione di nessuno.

Ne è seguito uno scambio tra i vari intervenuti nel post online a tratti anche molto duro, come è solito accadere quando entrano in gioco i soldi e l’etica.

Vuoi sapere come la penso su quanto avvenuto?

Penso che tali colleghi scorretti debbano essere segnalati in camera di commercio per turbativa di mercato ed esclusi da ogni futura collaborazione da parte del collega detentore dell’incarico.

Ma penso anche che quest’ultimo abbia un impegno scritto con il venditore, vendergli l’immobile.

Che poi ciò avvenga direttamente o in collaborazione, è un accordo tra loro due, ma in effetti il venditore ha richiesto al collega detentore dell’incarico di collaborare con colleghi esterni, pertanto deduco che per iscritto il venditore non abbia mai rinunciato a tale grande opportunità per sè ed il proprio agente.

Quindi al collega, conviene collaborare: se il venditore venisse a sapere che gli si tengono nascoste opportunità ed offerte di acquisto, potrebbe richiedergli i danni.

Come vado a ripetere da anni, noi non decidiamo per i nostri clienti, siamo dei meri esecutori delle loro disposizioni (e liberi di accettarle o meno, logicamente in sede di conferimento di incarico di vendita).

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Vuoi affidare il tuo immobile in esclusiva a tutte le agenzie immobiliari di Milano e d’Italia, aumentando così da subito la competizione tra i potenziali acquirenti? 

Chiamaci subito allo 0267739014.

WhatsApp chat
0

Your Cart