fbpx

Archivio delle categorie News Immobiliari

Diexporemilano

5 cose da sapere prima di svendere casa tua.

Siamo ad un mese dall’inizio della quarantena forzata in tutta Italia e già le sirene dei media si interrogano, se non addirittura sentenziano, sull’andamento del mercato immobiliare nei prossimi mesi.

Da agente immobiliare che è sopravissuto all’ultima grossa crisi immobiliare iniziata nel 2007 con la stretta creditizia ed accentuatasi nel 2012 con un insieme di ulteriori congiunzioni sfavorevoli, tra cui una generale mancanza di fiducia degli italiani ed una insostenibile pressione fiscale, ti voglio rassicurare ed invitare all’ottimismo, se hai paura di svendere il tuo immobile a Milano.

Le motivazioni alla vendita sveleranno che venditore sei

Prima di farti prendere dal panico, poniti queste domande:

  • Devo vendere, o desidero vendere il mio immobile?
  • Voglio rogitare dopo aver abbassato il prezzo del mio immobile, o dopo averlo massimizzato?
  • Per quale motivo ho comprato il mio immobile anni fa?

Queste domande servono per qualificare la tua motivazione alla vendita!

Analizziamole assieme!

La prima domanda ( Devo vendere o desidero vendere il mio immobile? ) ti serve a capire che aspettativa puoi avere nella riuscita dell’ operazione.

Ora che stai vivendo, come tutti causa forza maggiore, 24 ore su 24 casa tua, ti verrà più facile distinguere tra il doverla vendere ed il desiderare venderla.

Vivi in due in un monolocale? Con un piccolo mutuo, se ne avrai bisogno, potrai aggiungere una stanza o due alle vostre esigenze.

Vivi in un bilocale senza balconi? Con un piccolo mutuo, se ne avrai bisogno, potrai puntare direttamente sul trilocale con doppi servizi.

Vivi in un trilocale con un solo bagno? Con un piccolo mutuo, se ne avrai bisogno, potrai puntare ad un trilocale con doppi servizi e magari più balconi.

E perchè non aggiungere un bel terrazzo, se non addirittura un fantastico giardino?

Se vuoi ingrandirti, devi vendere.

Se vuoi salire di un piano o due, desideri vendere.

E’ chiara la differenza?

La seconda domanda ( Voglio rogitare dopo aver abbassato il prezzo del mio immobile o dopo averlo massimizzato? ) ti serve a capire se per te è più importante “risparmiare provvigioni” pensando che tutte le agenzie immobiliari lavorino alla stessa maniera, pensando che il tuo acquirente davvero scelga casa tua perchè specifichi nel tuo annuncio che vendi da privato, oppure se ti conviene scegliere un’agenzia che mette davvero in competizione gli acquirenti, dopo averli qualificati.

Se vendi da privato realizzerai, sempre che tu riesca a portare a termine l’operazione, una cifra inferiore mediamente del 14% in circa sei mesi sul prezzo inizialmente esposto in pubblicità.

Se applichi un piano marketing amatoriale, puoi già sperare di ridurre i tempi dell’operazione, ma la vera incognita rimarrà sempre la tua capacità di negoziazione.

Se ti affidi ad un professionista, puoi sperare di ridurre i tempi ed aumentare i margini economici dell’operazione, ma la vera incognita rimarrà sempre e comunque l’applicazione di un piano marketing professionale che porti alla conclusione dell’operazione facendo i tuoi esclusivi interessi, non anche quelli dell’acquirente.

La terza domanda ( Per quale motivo ho comprato il mio immobile anni fa? ) ti serve a capire per quale motivo ti sei innamorato e se sei ancora innamorato di casa tua.

E’ una domanda interessante, vero?

E’ una domanda interessante che ti aiuterà a chiarirti le idee sui potenziali acquirenti ideali del tuo immobile, che non è detto che se ne innamoreranno per il tuo stesso motivo di anni fa.

Un prezzo corretto terrà alta la richiesta per il tuo immobile

Scoperta la tua reale motivazione alla vendita, dovrai fare estrema attenzione al prezzo esposto in pubblicità.

Che non deve essere assolutamente tentato, ma studiato e pianificato dopo aver richiesto una valutazione professionale e garantita ad un agente immobiliare esperto.

Se la tua casa vale 100.000€ può aver senso esporla in pubblicità a 110.000€, non a 120.000€ e tantomeno a 130.000€.

Sbagliare il prezzo del tuo immobile non solo non attirerà sufficienti potenziali acquirenti, ma ti porterà ad abbassarlo drasticamente quando la tua reale motivazione alla vendita si farà sempre più pressante.

La qualità della comunicazione del tuo immobile lo posizionerà nella testa dei potenziali acquirenti

Il modo migliore per difendere il prezzo corretto del proprio immobile in vendita, è lo studio e l’applicazione di un piano marketing professionale ed esclusivo.

Devi concentrarti sulla valorizzazione professionale del tuo immobile con home staging, servizio fotografico, servizio video emozionale, servizio virtual tour, planimetrie misurate ed arredate ed una brochure informativa di design, il tutto comunicato attraverso un sito professionale con dominio dedicato al tuo immobile (per esempio www.bilocalegorlamilano.it).

Accontentarti infatti di un limitante annuncio amatoriale sui portali immobiliari, probabilmente disperderà le potenzialità intrinseche del tuo immobile e non attrarrà potenziali acquirenti, ma curiosi e turisti immobiliari.

Il virtuale non cancellerà il reale, vivremo ancora di relazioni vere

La tecnologia applicata dai professionisti del settore immobiliare deve essere di supporto alla vendita degli immobili, non un succedaneo alle proprie abilità di relazioni interpersonali.

Un immobile ben prezzato e ben comunicato verrà venduto al massimo prezzo richiesto da un venditore motivato, se i potenziali visitatori diventeranno potenziali acquirenti attraverso una procedura professionale di qualificazione.

Inoltre le abilità di negoziazione e di ascolto, doti rare nei privati e negli agenti immobiliari poco esperti, permetteranno ad un professionista esperto di giungere al termine dell’intera operazione senza stress e rischi per la salute per i proprietari venditori ed i loro cari.

E di questi tempi, investire sulla propria serenità dentro casa, è altamente consigliato.

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Vuoi scoprire come vendere casa a prezzo pieno e senza rischi per la tua salute, anche solo in 30 giorni?

Richiedici subito una videoconsulenza gratuita o chiamaci allo 0267739014.

Diexporemilano

5 cose da sapere prima di fissare gli appuntamenti vendita per casa tua.

Per ogni proprietario mettere in vendita il proprio immobile su internet è un gesto assai semplice, ormai i portali immobiliari permettono di farlo in pochi click.

Oggi ti svelo le 5 cose da sapere per filtrare i turisti immobiliari ed attirare solo i potenziali acquirenti.

Chi domanda comanda

Poni con più naturalezza possibile le seguenti domande al tuo interlocutore telefonico:

  • Potrebbe dirmi cosa l’ha colpita del mio annuncio da privato?
  • Ha già fatto una offerta per case simili alla mia?
  • Ho bisogno di rogitare entro la data x, a lei sta bene?

Queste domande servono per qualificare chi ti contatta!

Analizziamole assieme!

La prima domanda (Potrebbe dirmi cosa l’ha colpita del mio annuncio da privato?) ti serve a capire se il tuo interlocutore ti sta chiamando con l’annuncio sotto mano.

Inoltre se tu avrai descritto con molta precisione il tuo immobile ed avrai fatto scattare delle foto professionali, fatto girare un video professionale e fatto fare una visita virtuale professionale, a questa domanda avrai una risposta entusiasta ed eccitata, te lo garantisco!

In tal caso lascia parlare il più possibile il tuo interlocutore, lascialo sognare.

Lascialo immaginare di possedere già casa tua!

Se invece non ti viene data una risposta dettagliata a questa domanda, potresti avere dall’altra parte della linea un semplice curioso che sta contattando più inserzionisti possibili.

Un cacciatore di case da vedere, insomma.

Di molte case da vedere.

Ma la colpa potrebbe anche essere di una tua inserzione mediocre…pubblicizzata con del materiale non all’altezza di casa tua.

Una casa ben presentata attira sempre persone realmente interessate!

La seconda domanda (Ha già fatto una offerta per case simili?) ti aiuta a capire se la persona che ti ha chiamato per fissare un appuntamento per casa tua è consapevole della procedura per bloccare una casa tra privati.

Ed inoltre la risposta ti aiuterà a capire anche se il tuo interlocutore è motivato ad acquistare una casa al giusto prezzo o se sta solo cercando di trovare una occasione per sè.

La terza domanda ( Ho bisogno di rogitare entro la data x, a lei sta bene? ) serve a scremare quelli che vogliono venire a vedere casa casa tua fregandosene se tu rischi di dover andare in affitto o di farti ospitare da amici o parenti solo per un loro capriccio.

Non sottovalutare questa domanda!

Perchè se tu non hai trovato ancora un’altra sistemazione, rogitare casa tua potrebbe portarti a vivere situazioni di ansia e stress.

Raccogli pure quindi una offerta per casa tua, ma solo da un acquirente che abbia tempistiche di rogito compatibili con le tue!

Richiedi un documento di identità ed una predelibera reddittuale per il mutuo alla persona interessata a fissare una visita

Questa operazione è standard nella mia agenzia immobiliare!

E tu che vorresti vendere da privato, non puoi ignorare il rischio di aprire la porta di casa tua ad un perfetto sconosciuto!

Chiedere un documento di identità a chi vuole venire a visitare casa tua è un gesto che deve anteporre la sicurezza della tua famiglia e del tuo immobile, alle eventuali lamentele del tuo interlocutore.

Se non si ha niente da nascondere, non dovrebbe essere un grosso problema inviare quanto richiesto via email…ed in merito alla privacy…beh…se un perfetto sconosciuto ti entra in casa senza identificarsi, e senza qualificare la propria situazione reddittuale, non è come se violasse la tua, di privacy?

Fai una visura sulla persona interessata a fissare una visita

Il documento di identità del punto sopra ti permette di fare con un solo click una verifica sulla persona titolare del documento.

Scoprirai, tramite apposite banche dati private di pubblica accessibilità, se il tuo potenziale visitatore è protestato, se è residente a Milano, se possiede altri immobili.

Insomma, scoprirai se è a rischio di respingimento per la pratica del mutuo…

E anche se non dovesse accedere al mutuo, ti farai una idea sul suo patrimonio immobiliare, potrai chiedergli se deve vendere casa sua per comprare la tua…

Invia una visura catastale ed una visura ipotecaria del tuo immobile

Chiedere trasparenza dovrebbe andare di pari passo con il fornirla.

Dimostra al tuo interlocutore che avete lo stesso interesse, assicurarvi che il tuo immobile abbia una titolarità ben idenficata, che il tuo immobile non è pignorato, che la metratura è reale e che lui possa quindi lasciarti una caparra se la visita va a buon fine.

Credimi, pur essendo certo che nessuno ti abbia mai dato un consiglio del genere, la trasparenza paga sempre.

Prova a metterti nei panni del potenziale acquirente: non ti farebbe piacere ricevere le visure prima di andare a visitare una casa, in modo tale da poterla bloccare subito, se te ne innamori?

Sappi che in ogni caso anche queste informazioni sono di pubblico dominio…pertanto…vedila come una strategia “do ut des”…

Invia una planimetria del tuo immobile

Non c’è niente di più fastidioso di sentirsi chiedere una planimetria durante una visita.

Inviarla assieme alle visure di cui sopra ti permetterà di risparmiare tempo ed opportunità.

I tuoi visitatori lo apprezzeranno e potranno gia iniziare ad immaginare come poter arredare la tua casa, se diventerà la loro casa.

E mi raccomando, niente piantine disegnate o poco chiare…cerca di far colpo sui visitatori, invece di scoraggiarli…

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Ritieni questi 5 consigli che ti ho dato interessanti, ma hai paura di non riuscire ad applicarli da solo?

Chiamaci subito allo 0267739014.

Diexporemilano

Perchè accontentarti di una offerta al ribasso per casa tua, quando ti garantiamo l’offerta migliore possibile?

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Cercare privatamente un acquirente qualificato a Milano ti stressa?

ExpoRe VenditaGarantita è il metodo professionale per vendere a prezzo pieno la tua casa a Milano entro 90 giorni.

Chiamaci allo 0267739014 o lasciaci i tuoi dati per fissare un primo appuntamento senza impegno.

Diexporemilano

Sei un collega agente immobiliare che opera fuori Milano?

Segnalaci venditori qualificati e guadagna il 30% della provvigione!

Diexporemilano

Meglio vendere casa a Milano con una agenzia low cost o con una agenzia innovativa?

Non passa giorno che sulle sponsorizzate Facebook non mi appaiano agenzie immobiliari che promettono di vendere casa col 0% di provvigioni o addirittura con solo qualche centinaio di euro, giusto per cercare di rientrare delle spese basiliari da loro sostenute per la promozione dell’immobile.

Queste nuove proptech di origine statunitense, ma con una impronta tipicamente italiana (la provvigione del venditore la paga sempre e solo l’acquirente), sono un grande stimolo per gli agenti immobiliari che possiedono o lavorano in agenzie immobiliari presenti da anni sul mercato milanese, imprenditori determinati che sanno quanto valgono e che non svendono la loro professionalità al minor offerente.

Il peccato originale

Devi però sapere che a Milano lo 0% al venditore non è una reale innovazione, ma un peccato originale perpetuato tutt’ora anche da agenzie tradizionali, dalle più piccole, ai grandi franchising, che pur di strappare un incarico (spesso addirittura verbale), dapprima regalano la fantomatica valutazione immobiliare, in genere errata di almeno il 30%, per poi essere “gestita” con martellamenti asfissianti per ottenere i ribassi (sputtanando l’immobile) e poi garantiscono al proprietario di prendere il compenso solo da chi compra, compenso che spesso non arriva comunque, perchè il proprietario, giustamente indignato, al termine dell’incarico, ritira l’immobile dal mercato (appena capitato in Porta Venezia, immobile di 71mq messo in pubblicità dai galoppini cravattati di zona a 520.000€, reale valore attorno ai 350.000€, la proprietaria, con la quale sono in contatto da mesi, non vende più).

Purtroppo questo metodo squallido di lavorare continua a falcidiare l’immagine generale dell’agente immobiliare, ormai sempre più visto come un apriporte da sfruttare e poi di cui sbarazzarsi (troppo spesso non saldandolo, nonostante gli accordi), anche quando agisce in maniera professionale ed etica.

Carne da cannone 2.0

L’ultima grossa crisi immobiliare degli anni 2009-2013 a Milano, ha spazzato via gli improvvisati e gli inesperti che non hanno saputo dare un motivo della propria esistenza sul mercato.

Ma avrai notato certamente che in città iniziano a riaprire agenzie immobiliari, perlopiù di grossi franchising, che non si fanno scrupoli a reclutare anche “fuori settore” da spremere come limoni.

Le agenzie immobiliari proptech si inseriscono in questo filone, ma dematerializzando la sede fisica.

E si lanciano in campagne di reclutamento in tutta italia, con l’ardita missione di scalare il loro modello di business.

Chi guadagna il 50% non può impegnarsi al 100%

Mi metto nei panni degli agenti immobiliari che contattano o vengono contattati dai brand low cost che li prevedono (l’unica che non li prevede è stata beccata a fare mediazione abusiva, con grande giubilo per me ed i miei colleghi), e mi chiedo:

già si pagano altissime tasse in Italia e a Milano il costo della vita è pari solo a Roma, come si fa a vendere un immobile realmente al miglior prezzo, guadagnando la metà?

Come si trova la voglia di alzarsi al mattino e lavorare per chi ti sfrutta, siano essi datori di lavoro o clienti?

Tutto questo a mio modo di vedere non ha alcun senso.

Anzi, si.

Un agente immobiliare demotivato che incontra un proprietario demotivato, è il modo migliore per fallire con successo nella vendita, o peggio ancora, per avere successo nella svendita di un immobile.

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Vuoi lavorare con l’agenzia immobiliare che ha innovato definitivamente il modo di vendere casa a Milano? 

Chiamaci subito allo 0267739014.

Diexporemilano

Sei certo di non avere a che fare con agenti immobiliari solo a caccia di una doppia provvigione a Milano?

Oggi voglio affrontare un argomento molto dibattuto tra gli agenti immobiliari italiani, la collaborazione immobiliare, che ti può permettere di realizzare il massimo dalla vendita del tuo immobile, in tempi più rapidi.

Ti voglio infatti spiegare come puoi vendere casa tua tutelando realmente i tuoi interessi e non solo quelli dell’agente immobiliare a cui stai per conferire o hai già conferito un incarico di vendita in esclusiva.

L’acquirente non è un cliente finchè non sottoscrive una proposta d’acquisto

Proprio così, proprio come tu firmerai o hai già firmato un incarico al tuo agente immobiliare di fiducia e sei diventato a tutti gli effetti un suo cliente, così è per l’acquirente, che è libero di rivolgersi a qualsiasi agente immobiliare regolarmente abilitato in italia, per visitare e comprare casa tua.

Questo vuol dire che salvo che tu, proprietario venditore, non lo escluda per iscritto, dopo averlo logicamente concordato con il tuo agente di fiducia, hai il diritto di ricevere tutte le proposte di acquisto disponibili sul mercato, per suo tramite diretto o indiretto, pertanto anche tramite la sua collaborazione con agenti immobiliari italiani regolarmente abilitati (quindi niente faccendieri ed abusivi).

Ricevere offerte di acquisto da parte di altri agenti tramite il tuo, non viola mai l’esclusiva tra voi due, pertanto diffida da chi maliziosamente ti dice che non collabora perchè altrimenti tu violeresti l’esclusiva e dovresti pagargli la penale, si tratta di una informazione scorretta frutto di una strategia a mio modo di vedere, meschina!

Per capirci, per ricevere solo ed esclusivamente proposte di acquisto del tuo agente immobiliare di fiducia dovresti far inserire la seguente dicitura sull’incarico di vendita: “Il venditore non autorizza l’agente immobiliare alla collaborazione con altri agenti immobiliari ed è conscio del fatto che in tal caso limita il numero e l’ammontare delle offerte di acquisto per il proprio immobile in vendita.”

Dimmi la verità, caro proprietario, tu lo faresti davvero?

Limiteresti le possibilità per il tuo immobile solo per dare la possibilità al tuo agente immobiliare di fiducia di guadagnare una doppia provvigione, pertanto anteponendo i suoi interessi, rispetto ai tuoi?

Qualcosa mi dice che non lo faresti, ma te lo chiederò di persona quando ci incontreremo a casa tua.

Un caso emblematico sul gruppo Facebook “Sei un agente immobiliare se…”

Alcuni giorni fa ho letto un post su un gruppo Facebook dedicato alla mia categoria professionale, dove un collega si lamentava del fatto che alcuni colleghi avevano contattato il suo cliente venditore per chiedergli di portare in visita i loro clienti acquirenti.

Tale proprietario ha risposto di rivolgersi al collega autore del post su Facebook, che però sullo stesso si lamentava del fatto di non voler collaborare con agenti immobiliari al di fuori della piattaforma di collaborazione alla quale lo stesso è abbonato, in quanto non si sentirebbe tutelato abbastanza.

Per dovere di cronaca devo anche sottolineare che il collega ha poi scoperto che chi aveva contattato il venditore si era permesso di esporre in pubblicità l’immobile a 5.000€ in meno, senza l’autorizzazione di nessuno.

Ne è seguito uno scambio tra i vari intervenuti nel post online a tratti anche molto duro, come è solito accadere quando entrano in gioco i soldi e l’etica.

Vuoi sapere come la penso su quanto avvenuto?

Penso che tali colleghi scorretti debbano essere segnalati in camera di commercio per turbativa di mercato ed esclusi da ogni futura collaborazione da parte del collega detentore dell’incarico.

Ma penso anche che quest’ultimo abbia un impegno scritto con il venditore, vendergli l’immobile.

Che poi ciò avvenga direttamente o in collaborazione, è un accordo tra loro due, ma in effetti il venditore ha richiesto al collega detentore dell’incarico di collaborare con colleghi esterni, pertanto deduco che per iscritto il venditore non abbia mai rinunciato a tale grande opportunità per sè ed il proprio agente.

Quindi al collega, conviene collaborare: se il venditore venisse a sapere che gli si tengono nascoste opportunità ed offerte di acquisto, potrebbe richiedergli i danni.

Come vado a ripetere da anni, noi non decidiamo per i nostri clienti, siamo dei meri esecutori delle loro disposizioni (e liberi di accettarle o meno, logicamente in sede di conferimento di incarico di vendita).

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Vuoi affidare il tuo immobile in esclusiva a tutte le agenzie immobiliari di Milano e d’Italia, aumentando così da subito la competizione tra i potenziali acquirenti? 

Chiamaci subito allo 0267739014.

Diexporemilano

Sei certo di non avere a che fare con agenti immobiliari solo a caccia di incarichi a Milano?

Questa mattina mi sono di nuovo arrabbiato.

Mi sono di nuovo arrabbiato con i sedicenti “agenti immobiliari” che non solo fanno valutazioni gratuite letteralmente su due piedi misurando in passi le dimensioni degli immobili, ma che persistono nell’andare a caccia di incarichi mentendo spudoratamente ai proprietari che devono vendere casa.

Mentono sulle dimensioni e sul reale valore degli immobili, giusto per illudere le persone e raccimolare incarichi qua e là.

Spesso questi “galoppini” vengono pagati ad incarico dai loro responsabili, ed il risultato tragico non può che essere questo: un metodo lavorativo meschino ed irresponsabile che danneggia (ulteriormente) la già bistrattata immagine della mia categoria.

170.000€ di differenza!

Sono in contatto da un pò di tempo con una persona che deve vendere un appartamento trilocale con due bagni in centro a Milano, si tratta di una soluzione di ottima qualità in eccellente posizione, l’insormontabile problema è che attualmente è caro del 30% rispetto al reale valore.

Proprio così, questo proprietario sta collaborando con un’ agenzia immobiliare del quartiere che non si è fatta alcuno scrupolo a promuovere l’immobile in pubblicità ad un prezzo che può solo “sputtanare” l’immobile e l’agenzia stessa.

Normalmente un immobile con le giuste caratteristiche e il corretto prezzo, non durerebbe un mese nel medesimo quartiere, questo immobile invece è esposto in pubblicità già da oltre 3 mesi!

Incarichi vs relazioni

Le conseguenze di tale scellerata strategia sono drammatiche in quanto i potenziali visitatori, sempre più informati sui reali prezzi degli immobili, sceglieranno certamente di andare a visitare ed acquistare immobili allineati all’andamento del mercato immobiliare di zona, inoltre si faranno l’idea che l’agenzia non sappia lavorare e non la ricontatteranno per ricevere altre offerte immobiliari.

Infine il proprietario sarà massacrato di richieste di ribasso da parte dell’agenzia, che magari porteranno prima o poi alla vendita, ma ben al di sotto del reale valore.

Contando che nella mia professione le relazioni sono tutto, direi proprio che si tratta di una bella zappata sui propri piedi.

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Vuoi scoprire il reale valore del tuo immobile ed inserirlo correttamente sul mercato al fine di venderlo presto e bene? 

Chiamaci subito allo 0267739014.

Diexporemilano

Sei certo che non stai già svendendo la tua casa a Milano?

Fammi indovinare: hai messo in vendita privatamente il tuo immobile da almeno 15 giorni e hai già un bel mal di testa.

Probabilmente non sei un addetto ai lavori come me ed inoltre quasi certamente sei coinvolto emozionalmente in una operazione così delicata.

Ma stai attento: sia che tua abbia iniziato la vendita ad un prezzo superiore rispetto a quello reale di mercato, sia che tu abbia già perso una offerta che ti sei accorto troppo tardi essere quella giusta, sappi che stai già svendendo il tuo immobile.

Lo stai svendendo dal primo giorno.

Il 99% dei privati sbaglia il prezzo iniziale

Sarò ancora più trasparente con te: in italia non esiste ancora un metodo univoco e scientifico per valutare un immobile.

Ad oggi 10 agenti immobiliari e 10 periti indipendenti molto probabilmente valuterebbero la tua casa con prezzi diversi.

Se quindi dei professionisti con pluriennale esperienza non concordano quasi mai sulla valutazione, come pensi tu di riuscire a farne una che ti permetta di vendere esattamente al prezzo che richiedi?

Ti svelo un segreto del mio lavoro di agente immobiliare professionista che vende case ogni mese, quasi sempre a prezzo pieno: il prezzo più probabile di mercato è orientato da un piano di marketing immobiliare personalizzato per ogni immobile (inoltre, il 90% degli agenti immobiliati in italia non sa neanche che cosa sia un piano di marketing immobiliare, figuriamoci un perito che non ha mai venduto una casa in vita sua).

Ma sopratutto, il valore di mercato si ottiene solo a transazione avvenuta.

In poche parole, prezzo e valore assai raramente coincidono nelle compravendite tra i privati.

Qualche volta coincidono grazie all’intervento di un buon agente immobiliare.

La prima offerta è quasi sempre la migliore

Promuovere un immobile in vendita senza un piano di marketing immobiliare studiato dallo specialista immobiliare di zona, ti darà quindi l’illusione di poterne fare a meno solo sino a quando non avrai rifiutato la prima offerta per casa tua.

Salvo che tu non abbia addirittura sbagliato il prezzo al ribasso infatti, non arriveranno offerte senza che tua abbia messo in competizione i potenziali acquirenti (valorizzando il tuo immobile) e li abbia spinti a fare la loro offerta in tempi brevi.

A Milano ogni proprietario ritiene il proprio immobile il più bello di tutti; è legittimo, ma se entro 30 giorni nessuno ha fatto la propria offerta per casa tua, dovrai purtroppo per te, abbassarne il prezzo.

Per intenderci, se avrai rifiutato una offerta a 100.000€, dovrai ribassare addirittura a 90.000€ dopo essere partito inizialmente da 120.000€.

Attento agli avvoltoi immobiliari

Spesso entrano in gioco anche coloro che cercheranno di scoprire la tua motivazione alla vendita, gli investitori immobiliari professionisti.

Lavorando molto con loro ti posso dire che cercano sempre di acquistare o opzionare immobili (al fine di cedere il compromesso, con il consenso dei proprietari), anche al 30% in meno del loro reale valore di mercato.

Attenzione, non al 30% in meno del loro prezzo esposto in pubblicità, ti parlo del 30% in meno del loro valore di mercato.

Ritornando all’esempio di prima:

-parti da 120.000€ (prezzo esposto in pubblicità senza un piano di marketing adeguato: stai già svendendo)

-rifiuti 100.000€ (prima offerta e probabilmente il reale valore dell’immobile secondo lo specialista immobiliare di zona al quale avresti potuto richiedere una consulenza: stai svendendo)

-ribassi a 90.000€ (nuovo prezzo esposto in pubblicità: stai svendendo)

-valuti una offerta a 70.000€ ricevuta da un investitore che poi andrà a rivendere/cedere il preliminare a 140/150.000 (indovina: stai svendendo)

Alcuni investitori poi, fortunatamente la minoranza, sono molto, molto aggressivi e cercheranno in tutti i modi di convincerti a svendere ulteriormente il tuo immobile al fine di ottimizzare i loro margini.

Ti pentirai quindi a questo punto di aver completamente sbagliato il prezzo iniziale di vendita e di non esserti affidato da subito allo specialista immobiliare di zona.

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Vuoi aumentare il valore del tuo immobile prima ancora di iniziare a vendere e realizzarne il massimo possibile mettendo da subito in competizione tutti i potenziali interessati presenti sul mercato? 

Chiamaci subito allo 0267739014.

Diexporemilano

Meglio vendere casa a Milano privatamente o con un agente immobiliare esperto?

Spesso i privati che hanno provato a vendere una soluzione abitativa a Milano, si sono imbattuti in imprevisti costosi.

Oggi quindi ti voglio parlare delle cose a cui prestare attenzione per decidere come muoverti.

Decidi da subito se chiedere o meno una valutazione professionale a pagamento ad un agente immobiliare

Devi sapere che a Milano vi è la pessima abitudine di svendere la propria professionalità da parte di agenti immobiliari che offrono valutazioni gratuite.

Se vuoi una valutazione davvero accurata e professionale, anche al fine di vendere poi privatamente, evita di collaborare con chi non dà valore alla propria professionalità.

Un agente immobiliare che fa valutazioni gratuite è probabilmente interessato solo a cercare di prendere l’incarico di vendita di casa tua, non di instaurare un rapporto trasparente con te.

Ti consiglio di chiamare lo specialista immobiliare di zona e di concordare un compenso per una valutazione professionale scritta.

Diffida dalle valutazioni delle piattaforme online

Probabilmente prima di mettere la tua casa in vendita hai sbirciato vari strumenti di valutazione immobiliare, basati su algoritmi più o meno innovativi.

Hai fatto bene, ti è servito o ti servirà per farti un’idea di massima, ma tali algoritmi non tengono conto di fattori essenziali, quali la posizione, l’esposizione e le finiture interne del tuo immobile.

Sei quindi davvero certo che un’intelligenza artificiale possa sostituire l’esperienza pluriennale di un professionista del settore che vende case ogni mese a Milano?

Una valutazione online ti farà quasi certamente perdere tempo e denaro!

Seleziona il tuo team per la vendita

Una volta ricevuta una corretta valutazione immobiliare è giunta l’ora di iniziare a coordinare il tuo team di lavoro.

Nel tuo team di lavoro non possono mancare un broker dei mutui, un architetto, un home stager, un fotografo, un video operatore, un copywriter, un social media manager.

Prima di iniziare la promozione del tuo immobile attraverso un piano di marketing immobiliare per la vendita di almeno una decina di punti, dovrai rendere la tua casa realmente vendibile.

Nello specifico dovrai verificare ogni aspetto tecnico e legale del tuo immobile per evitare perdite di tempo e poi procedere ad investire denaro su una comunicazione di eccellenza che valorizzi il tuo immobile rispetto a quelli concorrenti.

Evita curiosi e perditempo

Ora che sei bombardato da email e telefonate di privati golosi dell’opportunità di comprare casa senza provvigioni d’agenzia, assicurati che non ti entrino in casa turisti immobiliari, o peggio ancora, male intenzionati.

Chiedi inoltre al tuo broker di mutui di filtrare le richieste di appuntamenti per casa tua, vi saranno probabilmente persone che vincoleranno la loro offerta di acquisto all’ottenimento di un mutuo.

Sei certo, di poterli aspettare?

Evita collaborazioni con agenzie che non abbiano un incarico di ricerca scritto e verificabile, da parte dei loro potenziali acquirenti

Tra le varie richieste che ti arriveranno, certamente ve ne saranno molte di agenti immobiliari, magari anche di quelli che ti hanno regalato la valutazione del tuo immobile.

A Milano sono tutti bravi a dire: “Ho già un cliente”, ma l’unico modo per verificarlo è quello di chiedere loro di esibire un incarico di ricerca sottoscritto dal loro cliente e dove i colleghi si impegnano a non chiederti provvigioni nel caso tu venda a quello specifico cliente.

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

Vuoi realizzare il massimo con il tuo immobile tramite il nostro piano marketing immobiliare di 30 punti e tramite le agenzie immobiliari qualificate di Milano che coordineremo per te? 

Chiamaci subito allo 0267739014.

Diexporemilano

Come è andato il mercato delle compravendite nel 2018?

Secondo il Rapporto Residenziale 2019, appena pubblicato dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con Abi, nel 2018 il volume di compravendite residenziali ha raggiunto le 578.647 transazioni, il dato più elevato dal 2010. Si tratta del quinto tasso annuale consecutivo di segno positivo (+6,5%). Tra le grandi città, i maggiori rialzi si osservano a Bologna, Palermo e Napoli.

Il tasso di crescita più significativo si è registrato nell’area del Nord Est (+10,2%), con un mercato che rappresenta circa un quinto del totale nazionale; il Nord Ovest (dove si è avuta una crescita del 5,6%) resta l’area più dinamica, con oltre un terzo del totale delle compravendite (34,2%). L’espansione più consistente si è riscontrata nei comuni minori (+6,9% in termini aggregati), con rapporti di forza tra le varie aree territoriali analoghi rispetto a quelli generali; dinamiche meno differenziate caratterizzano i dati dei comuni capoluogo, pur permanendo al Nord Est il tasso più elevato (+9,7%).

L’Emilia Romagna è la regione con il maggior incremento del numero di compravendite di abitazioni, con quasi 52 mila scambi e una crescita dell’11,3%. Seguono le Marche (+10,2%) e il Veneto (+10%). L’unica a mostrare il segno meno è la Basilicata, che perde il 5,9%. Tra le grandi città, invece, spicca Bologna (+10,5%), seguita da Palermo (+7,7%), Napoli (+5,9%) e Torino (+4,3%). Bene anche Roma (+3%), Milano (+3,4%).

Per quanto riguarda le dimensioni delle abitazioni compravendute, sono state vendute case per un totale di oltre 61 milioni di metri quadrati, con una superficie media per unità abitativa compravenduta pari a 105,9 m2, leggermente maggiore rispetto a quella del 2017 (+0,2 m2 ).

Fatturato delle transazioni nel 2018

La stima complessiva del fatturato 2018 è pari a 94,3 miliardi di euro, 53 dei quali (oltre il 56%) concentrati nel Nord; il tasso di crescita più elevato si è registrato nel Nord Est, +9,4%, quasi il doppio del tasso nazionale (+5,2%); i tassi più bassi si sono avuti al Centro e al Sud, entrambi al di sotto del 4%. In termini di fatturato medio, invece, continua a prevalere il Centro (poco meno di 200.000 euro), per quanto si sia registrata proprio in questa macroarea la maggiore flessione rispetto al 2017 (-5.100 euro); le altre macroaree, hanno tuttavia avuto cali inferiori (-2.100 euro) al dato medio nazionale.

Le pertinenze residenziali

Nel 2018 sono stati scambiati, a livello nazionale, poco più di 69.600 depositi pertinenziali, in aumento, rispetto al 2017, dell’8,4%. Anche gli scambi di box e posti auto, circa 336.800 , risultano in crescita, +5,4% rispetto al 2017, seppure il rialzo sia inferiore a quello registrato nel settore delle abitazioni. I maggiori rialzi si osservano al Nord Est, dove le compravendite di depositi sono cresciute del 20% e dei box il 9%. Il mercato dei depositi pertinenziali evidenzia buoni rialzi anche al Sud e nelle Isole con tassi intorno al 9%. Nelle stesse ripartizioni i box segnano una crescita che si ferma al 3% nelle Isole ed è del 4,3% al Sud. Al Centro, il tasso di incremento dei depositi è del 6,2% e del 3,4% per i box.

Affidati ad ExpoRe VenditaGarantita, gli esperti in acquirenti qualificati a Milano.

A Milano nel 2018 sono state effettuate 24.521 compravendite per una superficie media di 82,6 mq. Il prezzo medio è stato di 313.500 €.

Vuoi tutelare al massimo la tua vendita garantendoti il massimo realizzo economico? 

Chiamaci subito allo 0267739014.

WhatsApp chat
0

Your Cart